Anestesiologia

LA VISITA ANESTESIOLOGICA

La valutazione preanestesiologica del paziente ha l’obiettivo di identificare fattori di rischio e problemi fisiologici individuali utili per la definizione del protocollo anestesiologico. I fattori che devono essere inclusi sono:

  • Anamnesi: identifica i fattori di rischio, incluse le risposte a precedenti anestesie, condizioni mediche note e precedenti risposte avverse ai farm
  • Esame clinico: un esame clinico completo può rivelare fattori di rischio quali soffi cardiaci e/o aritmie o suoni polmonari anomalI
  • Razza, età ,temperamento

Una buona comunicazione è fondamentale in qualsiasi momento, soprattutto prima di avviare una procedura anestesiologica. Ecco perchè la clinica Animal Hospital cerca sempre di stabilire un corretto scambio di informazioni con il cliente. Il proprietario deve firmare il consenso informato dopo aver discusso la valutazione e i rischi del paziente, il piano anestesiologico proposto e tutte le alternative mediche o chirurgiche disponibili.

 

SEDAZIONE E ANESTESIA

La somministrazione di anestetici inalatori e l'associazione di diversi farmaci analgesici e sedativi (anestesia bilanciata) permette di modulare la profondità e la durata dell'anestesia in funzione delle necessità del paziente, riducendo al minimo gli effetti. Alcune  procedure  diagnostiche (Rx,Ecografia) e chirurgie minori possono essere eseguite in sedazione con eventuale associazione di anestesia  locale;  la sedazione, o premedicazione, rappresenta inoltre la fase di preparazione del paziente da sottoporre ad anestesia generale.

 

 

Per gli interventi chirurgici potenzialmente invasivi e dolorosi o per procedure diagnostiche più lunghe, si pratica l’anestesia generale, la quale ci  permette di eseguire la prestazione stabilita, senza che il paziente ne abbia coscienza. Dopo induzione, mediante somministrazione di farmaci per via endovenosa, il paziente viene sottoposto ad intubazione oro-tracheale che consente al medico anestesista di avere il controllo delle vie respiratorie del paziente. La sala operatoria è corredata di apparecchiature all’avanguardia che consentono di monitorare il paziente per tutta la durata dell’intervento chirurgico fino al completo risveglio. In particolare le funzioni vitali vengono controllate da un monitor multiparametrico che dà informazioni su: ECG, saturazione dell’ossigeno, temperatura corporea, pressione sanguigna, spirometria, capnometria e percentuale di gas anestetico inalato.

image003

VENTILATORE VETRONIC MERLIN

La respirazione è invece assistita dal Ventilatore Veterinario “Vetronic Merlin”, apparecchio elettronico di estrema precisione che assiste il paziente nella respirazione durante l’anestesia, ponendolo al sicuro da apnee e complicazioni polmonari.   Il ventilatore polmonare è necessario in particolare per tutti i pazienti anziani, traumatizzati o con problemi toracici che deprimono la respirazione spontanea.

MONITORAGGIO

 

L’introduzione di sistemi di monitoraggio sempre più sofisticati ha consentito di migliorare la sicurezza per i nostri pazienti e di ridurre l’incidenza degli incidenti di anestesia. Tra  i  minimi  sistemi  di monitoraggio essenziali per operare in sicurezza vi sono quelli relativi al controllo delle funzioni vitali. Sistemi di monitoraggio più avanzati includono l’analisi dei gas respiratori (CO2, O2, gas anestetici), importanti per il controllo di un livello anestetico costante e per lavorare a bassi flussi di gas freschi, sistemi invasivi di monitoraggio  della  pressione  sistemica  e della pressione venosa centrale che è di grande importanza quando si lavora su pazienti critici a rischio di gravi e repentini scompensi emodinamici.

 

 

image005

Terapia del dolore

Negli animali è fondamentale riconoscere tutti quei segni, indizi e atteggiamenti riconducibili a uno stato di sofferenza e, ancor più importante, bisogna saperli prevenire. Per questo abbiamo oggi a disposizione numerose classi di farmaci che ci permettono un approccio al dolore a 360° e una terapia del dolore personalizzata per ogni animale e per ogni tipo di patologia in corso. La moderna terapia del dolore si basa sull'analgesia polimodale, cioè sull' impiego di più sostanze. I farmaci più utilizzati sono gli Oppioidi  come la morfina ed i fans, cioè gli antinfiammatori non steroidei. Oltre a queste due categorie trovano un utilizzo secondario i Fas, la Chetamina, e gli Alfa-2-agonisti.

image008
image009