Oftalmologia

unnamed

La Clinica Veterinaria Animal Hospital si occupa di Oftalmologia, una branca della medicina veterinaria volta alla prevenzione, alla diagnosi e alla cura di malattie oculari. Le patologie che spesso si incontrano nella pratica clinica colpiscono per lo più razze brachicefale (Bulldog Inglese, il Bulldog Francese, il Carlino Pechinese, lo Shit-Zu etc), o ancora vengono colpiti cani con abbondanti pliche facciali (Shar-Pei, Chow-chow, Mastino Napoletano etc.) e interessano soprattutto le palpebre e l’apparato lacrimale. Tra le problematiche a carico delle palpebre troviamo l’Entropion, ovvero la rotazione parziale o totale dal margine palpebrale verso l’ interno dell’ orbita con conseguente sfregamento delle ciglia sulla congiuntiva e sulla cornea che causa irritazione congiuntivale e nei casi più severi erosioni/ulcere corneali che possono compromettere la vista dell’animale.

Come prima accennato, questa patologia si riscontra con maggiore frequenza nei cani con abbondanti pliche facciali nei quali il problema compare fin dai primi mesi di vita ma si può manifestare anche in razze come il Rottweiler, il Bulldog e alcune specie di gatti (Persiano, Brumese). La risoluzione è unicamente chirurgica mediante una Blefaroplastica Correttiva della palpebra interessata. A carico dell’apparato lacrimale le patologie più frequenti sono:  Il Prolasso della Terza Ghiandola (Cherry Eye), una patologia che interessa la ghiandola lacrimale presente a livello della terza palpebra. Clinicamente è possibile notare una sorta di ciliegia nell’angolo interno dell’occhio, quasi sempre asintomatica. Di solito compare entro l’anno di età e colpisce diverse razze  (Bulldog, Cocker, Shit-zu, Pechinese, Cane corso, Mastino etc …). In passato era consuetudine asportare totalmente o parzialmente la ghiandola ma è stato visto che la rimozione provoca nel lungo periodo problemi di secchezza oculare. Dunque, al giorno d’ oggi, si preferisce riposizionarla chirurgicamente. Un altro tipo di patologia facilmente  riscontrabile nei vostri amati pets è la Cheratocongiuntivite Secca (KCS) che consiste nella diminuzione della componente acquosa delle lacrime. Colpisce soprattutto cani brachicefali di piccola taglia, ma anche Cocker, Bulldog inglese, West Highland White Terrier  e altri. Si manifesta con la presenza di muco e croste attorno agli occhi e con un notevole arrossamento ed opacamento di quest’ultimi. Essendo una patologia idiopatica, ovvero senza apparente causa, non è possibile risolverla ma è importante tenerla sotto controllo con l’utilizzo di diversi farmaci. Infine  bisogna sottolineare che esistono diverse malattie sistemiche, in particolar modo alcune infettive che possono avere dei sintomi oculari. E’ dunque fondamentale, ogni qualvolta il medico veterinario lo ritenga indispensabile, sottoporre il proprio animale ad una visita oculistica specialistica per prevenire l’ insorgenza di danni che possano comprometterne la vista.