Esistono molte ragioni per cui da sempre il cane è considerato il migliore amico dell'uomo. La convivenza, però, anche con i migliori amici, può non sempre essere facile. Se la vostra intenzione è quindi quella di prendere un cane in casa, è bene essere preparati e prendere da subito dei piccoli accorgimenti. In questo articolo ci occuperemo in particolare dei cuccioli. Vi spieghiamo quindi come abituare ed educare il cucciolo a vivere in casa, offrendo al nuovo amico un ambiente sicuro, sereno e confortevole. Per lui, ma anche per voi.

 

Come sistemare il cucciolo in casa

Prendere un cucciolo in casa è una scelta impegnativa, che deve essere bene ponderata. È importante essere pazienti nel primo periodo, e soprattutto empatici nei confronti del nostro nuovo amico. Se è vero che i cani sono animali sensibili, di più lo sono i cuccioli, che possono peraltro soffrire la mancanza della mamma e dei loro fratellini.

La prima cosa da stabilire è dove deve dormire il cucciolo. In genere i cagnolini preferiscono dormire in spazi raccolti, soffici e asciutti. Solo un caldo rifugio può infatti fare sentire il vostro cucciolo protetto e al sicuro, lontano da stress, rumori o pericoli vari. Una copertina o un materassino possono servire a rendere comodo e caldo il suo nuovo giaciglio. Se pensate però che la vostra camera da letto sia il posto migliore dove posizionare la cuccia del vostro cucciolo, vi state sbagliando. Il cane ha infatti bisogno dei suoi spazi e della sua privacy, esattamente come voi.

cucciolo dorme cuccia

Come educare il cucciolo a stare in casa da solo

In genere, se vengono portati in una nuova casa, i cagnolini piangono quando vengono lasciati soli. Questo accade perché il cucciolo è ancora abituato alla presenza della madre che presto rimpiazza con voi. Da qui dunque la paura e poi la noia che genera la solitudine, non solo negli animali. Occorre per questo motivo educare il cucciolo a restare solo in casa, abituandolo gradualmente a brevi assenze. Portarlo a spasso oppure farlo giocare prima di allontanarvi, per esempio, può essere utile a tranquillizzarlo, così come il cibo e la pappa possono stimolare in lui il sonno. Inoltre, lasciargli qualcosa da rosicchiare può tenerlo occupato durante la vostra assenza ed evita oltretutto che vada in giro a mordicchiare altri oggetti in casa.

 

Quando, come e quanto cibo dare da mangiare a un cucciolo

Prima di prendere un cucciolo in casa è importante sapere come comportarsi con il cibo. Educare il cucciolo a una corretta alimentazione significa preoccuparsi della sua salute oltre che delle sue (e delle vostre) abitudini. Tenete sempre presenti queste 3 regole fondamentali:

  • Somministrate i pasti con regolarità al vostro cucciolo. Proprio come voi, anche i cani dovrebbero mangiare sempre agli stessi orari. Fino ai 4 mesi, il cucciolo ha bisogno di mangiare 3-4 volte al giorno. Dal 5° mese in poi la frequenza dei pasti va ridotta fino a due volte al giorno.
  • Scegliete mangimi e alimenti digeribili e appetitosi. Queste caratteristiche non sono banalmente intrinseche del cibo ma sono influenzate dalle specificità di razza, età e peso, oltre che dai gusti e dalle caratteristiche specifiche del vostro cucciolo.
  • Combinate e bilanciate gli alimenti dal punto di vista dell'apporto nutrizionale. Anche in questo caso, vanno considerate le caratteristiche di età, peso e razza del vostro cane. Il veterinario, però, può aiutarvi a stabilire quali sono gli alimenti migliori e la quantità di cibo da somministrare al cucciolo. Prenota una visita presso la nostra clinica veterinaria.

È fondamentale, in ogni caso, posizionare accanto alla ciotola del cibo una scodella d'acqua fresca e pulita. Mentre riguardo alla pulizia, preoccupatevi sempre di lavare e ritirare la ciotola alla fine del pasto. Una buona prassi può essere invece quella di somministrare il cibo sempre nello stesso posto.

 

Come educare un cucciolo a non fare i bisogni in casa

Proprio come con un bambino piccolo, occorre avere molta pazienza, perché il cucciolo non ha la capacità di trattenersi. Spetta dunque a voi educare il cucciolo e insegnargli dove non deve fare i bisogni e dove invece può. Diversamente dai gatti, che utilizzano la lettiera in casa, i cani hanno bisogno di essere portati fuori. Nel caso dei cuccioli che non hanno completato la profilassi vaccinale, però, è meglio evitare di portare a spasso troppo spesso il vostro piccolo amico. In questo caso, sarebbe infatti opportuno munirsi di traversine usa e getta da piazzare nei punti strategici della casa, come angoli e zone poco esposte al vostro passaggio. Superata infine questa fase, il cane deve essere portato fuori ogni 2-3 ore per almeno 10 minuti.