Le vacanze sono finite? Da una parte vale il detto “casa dolce casa”, dall’altra tornare al tran tran quotidiano può essere avvilente, e non solo per noi umani. Lo stress da rientro colpisce anche i nostri amici a quattrozampe: non dimentichiamo che cani e gatti sono piuttosto abitudinari, legati ad alcuni piccoli precisi riti come la passeggiata mattutina e serale, o ai gesti che facciamo in casa, che sia riempire loro la ciotola o guardare la tv; per non parlare della quantità di tempo in più (o in meno) che trascorriamo con loro durante le vacanze, totalmente diversa dalla normalità.
Vediamo come affrontare al meglio il rientro a casa con cani e gatti.

STRESS DA RIENTRO NEL CANE: SINTOMI E RIMEDI

Una delle tipiche manifestazioni da stress da rientro del cane è l’ansia da separazione. Dopo aver passato lunghe giornate insieme, spesso all’aria aperta, il cane si ritrova nuovamente in appartamento, a trascorrere diverse ore da solo nell’attesa del vostro ritorno a casa dall’ufficio o dei vostri bimbi da scuola. Una situazione che, soprattutto nel caso di cuccioli, genera ansia e che si manifesta con alcuni segnali, interpretati a volte dal proprietario come “dispetti”. In realtà sono solo la manifestazione di un piccolo disagio, da superare insieme.

Tra i segni di ansia da separazione ricordiamo:

  • Un modo diverso di abbaiare, quasi come se fosse un lamento
  • Il grattare la porta di casa
  • Fare i bisognini in casa
  • Strappare o buttare a terra i vestiti del suo padrone

Rimedi per l’ansia da separazione

Per migliorare la situazione, bisogna evitare di rimproverare il vostro cane in maniera eccessiva, deprecando questi comportamenti; piuttosto, è necessario “disinnescare” i meccanismi generatori di ansia.

Inoltre per ridurre l’ansia da separazione del cane è possibile utilizzare alcuni accorgimenti come:

  • Aumentare progressivamente il numero di ore di assenza, in modo da abituare il cane in maniera graduale a stare in solitudine
  • Non esagerare con coccole “consolatorie”
  • Neutralizzare l’ansia generata da movimenti e suoni che indicano al cane l’imminente uscita del padrone, come il prendere le chiavi di casa. Per cercare di tranquillizzarlo e non fare associare questo suono a un momento negativo, basta prendere ogni tanto le chiavi e restare comunque in casa, oppure prendere il cane e portarlo fuori, creando così un’associazione positiva.

Quando l’ansia da separazione è troppa, è possibile fare ricorso a una terapia comportamentalista o rimedi naturali e farmacologici. Prenota un consulto.

 

STRESS DA RIENTRO NEL GATTO: COS’È E COSA FARE

Più che di gatto “stressato”, spesso si parla di “gatto offeso”, soprattutto nel caso in cui durante le vacanze lo abbiamo lasciato in casa da solo. Al nostro rientro, ci sembra freddo e distaccato, non si fa vedere quando gli mettiamo il cibo nella ciotola, si comporta come se per lui non esistessimo più. In realtà, la nostra assenza ha generato in lui un piccolo stress, dovuto alla rottura della routine a cui lo abbiamo sottoposto.

Il gatto è un animale molto abitudinario e diffidente per natura, per cui un’assenza prolungata rappresenta nella sua vita un cambiamento notevole: quando il proprietario ritorna, è naturale che manifesti una sorta di “cautela” nei suoi confronti. Se per noi questo comportamento è da interpretare come “offesa”, si tratta invece di un atteggiamento di attesa, per comprendere cosa succederà, com’è normale nella sua indole felina di animale indipendente e orgoglioso.

 

Rimedi per il gatto “offeso”

Non c’è un vero e proprio rimedio per il gatto offeso dopo le vacanze. Basta pazientare qualche giorno, ripristinando la routine di sempre e la sua fiducia ritornerà.

Inoltre, dato che il gatto è abitudinario, quando andate in vacanza – compatibilmente con il numero di giorni in cui non ci sarete - è preferibile lasciarlo in casa con acqua e cibo a sufficienza, oltre che con una lettiera a disposizione, piuttosto che portarlo con voi o lasciarlo in pensione. Per ogni informazione o consiglio, rivolgetevi a noi: Animal Hospital è una Gold Cat Friendly Clinic, unica accreditata ufficialmente in Sicilia dalla International Society for Feline Medicine (ISFM) e i nostri veterinari potranno rispondervi e aiutarvi con competenza e amore per i vostri felini.